Fascia ad anelli Micasling

Dopo avervi parlato della fascia elastica lunga, oggi vi racconto di quella ad anelli, e per farlo, ho scelto quella di Micasling, un’azienda di una mamma italiana (Antonella, gentilissima, cui ci si può rivolgere per qualsiasi dubbio o perplessità) che da più di 20 anni si occupa del portare i bebè.

Innanzitutto è molto pratica da indossare: si infila la testa, la spalla e siamo pronte! Assolutamente comodissima, permette di posizionare il bebè in varie posizioni, partendo da quella distesa per l’allattamento, quindi utilizzabile fin dalla nascita, a quella a cavalcioni sulla schiena, per bimbi già un po’ grandicelli, diciamo dall’anno in avanti.

Nel mezzo però ci sono una miriade di posizioni che, chi la usa, sicuramente già conosce, ma le ricapitolo:
verso l’esterno: seduto comodamente all’interno dell’imbottitura, con le gambine incrociate
verso la mamma: l’opposto della precedente
di traverso: sempre fronte mamma, ma con le gambine che fuoriescono da lato
a cavalcioni su un fianco: talmente conosciuta da non richiedere spiegazioni!
Comunque non temete, la vostra fascia arriva a casa con un facile libretto di istruzioni e qui trovate i video esplicativi di Youtube.

La fascia Micasling è fatta con un unico pezzo di tessuto, senza giunture, che può essere cotone, lino, lana…come volete, ma comunque fibre naturali: io ho scelto il cotone, morbidissimo, dal momento che sarebbe servita in montagna, per camminare col mio pupetto senza passeggino; l’anello di chiusura, che consente la regolazione della lunghezza, è in acciaio inox, per cui non può assolutamente rompersi (dubbio, forse scemotto, che io avevo e che ho fugato subito curiosando nel sito)

E Filippo come l’ha presa?
Dal momento che lui, come già detto in mille altre occasioni, è il bimbo più scassaballe e schizzinoso del web, mi aspettavo una tiepida accoglienza da parte sua, ma invece no! Gli è piaciuta moltissimo! La sua posizione preferita è quella seduto all’interno della fascia, dal momento che è un tremendo curiosone, ma gradisce anche quella a cavalcioni: appena starà bello dritto con schiena e il resto, proverò a metterlo sulla schiena, ma ci vorrà ancora un po’ di tempo.

Confesso che all’inizio ero molto titubante sul suo utilizzo, non perchè non credessi nella sua bontà, anzi!, ma solo perchè avevo paura di non essere in grado di posizionare bene Filippo dentro e di farlo quindi cadere, temevo anche che, muovendosi, potesse in qualche modo “fuoriuscire” dal suo cantuccio…Niente di più sbagliato! Indossata correttamente (come tutte le cose del resto), è un pericolo inesistente, basta solo fare un pochino di pratica e il gioco è fatto: poi, stupida io, se realmente si potesse incorrere in questa possibilità, l’avrebbero forse già scelta migliaia di mamme??

Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on FacebookEmail this to someone

2 thoughts on “Fascia ad anelli Micasling

  1. Carina la vostra fascia… Io tutte e due le mie figlie le ho portate prima con una fascia elastica nei primi mesi, poi sono passata ad una lunga rigida. Ora Anastasia (la più grande) è portata nel marsupio ergonomico. Invece per Adele, la più piccola,uso: il mei tai, la fascia lunga rigida e anche il marsupio ergonomico, se questo non viene usato per la sorella più grande. Insomma, non ci facciamo mancare nulla!:-))) (a parte una ring)

    • Caspita, sei la regina del portare!! A me manca l’esperienza col mei-tai, mi piacerebbe provare, ne ho sentito parlare benissimo da tutte le mamme che l’hanno sperimentato…tu come ti sei trovata?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.