Evento #CybexMilano

Mercoledì scorso ho avuto il piacere di essere invitata all’ultimo evento Cybex, a Milano, nella cornice veramente incantevole e molto underground della Fondazione Maimieri, in occasione della presentazione del nuovo nato della casa tedesca: il sistema combinato Priam, che si candida ad essere una piccola rivoluzione nell’ambito passeggini.

Innanzitutto devo riconoscere che Cybex cura sempre moltissimo gli incontri col suo pubblico, coccolandolo in maniera veramente carina: oltre ad servizio buffet, era presente anche Federico Cecchin, artwork cartoonist, veramente bravissimo, che mi ha fatto un ritratto davvero grazioso, ma soprattutto somigliante! Certamente un valore aggiunto per tutta la manifestazione.

Presentazione passeggino Cybex Priam

Ma parliamo dunque di Priam, che presenta un telaio in alluminio lucido molto elegante, regolabile in altezza e dall’impugnatura molto larga per qualsiasi tipo di guida, al quale si aggiungono le deliziose ruote (piroettanti) bianche e nere. Qui partiamo subito con la prima grande novità: le ruote infatti, sono a libera scelta della mamma e del papà, in quanto sono previste in 3 tipologie differenti: city-light, trekking e all-terrain, per offrire il massimo della personalizzazione già “di serie”. (Ma la vera chicca ve la risparmio per la fine del post ;))

E poi abbiamo i classici accessori del trio, ossia la navicella, l’ovetto e la seduta classica. Ah, scusate, ho detto classici…sì, ma solo per il fatto dei nomi! Perchè anche questi sono decisamente innovativi: oltre alla carrozzina, molto grande e confortevole, c’è l’ovetto, che è uno dei cavalli di battaglia di Cybex, da sempre uno dei marchi leader nella produzione di seggiolini auto, dalla nascita ai 36 kg (qui il mio post sul Cybex Pallas 2-fix, che avevo acquistato per Daniele): è infatti possibile sia montare l’AtonQ, modello di punta della gamma Platinum, oppure in nuovissimo Cloud Q, completamente reclinabile, che mi ha veramente positivamente impressionata, dal momento che io ho usato il mio del trio pochissimo, proprio perchè non lo era, lasciando il bimbo piccolissimo in posizione secondo me scomodissima (ricordo ancora quando, portando Daniele a casa dall’ospedale, ho dovuto tenergli la testa tutto il viaggio, dal momento che “ciondolava”…da allora, mai più, sempre e solo trasportato nella navetta, completamente reclinato, fino ai 3 mesi).

Presentazione del passeggino Cybex Priam

In effetti, la concezione del trio così com’è strutturato, l’abbiamo principalmente noi italiani: all’estero infatti, le carrozzine vanno molto poco (e in effetti, comunque il loro utilizzo è abbastanza ridotto temporalmente), perchè si utilizzano gli ovetti  sin da subito; se proprio però alla navicella non volete rinunciare, ecco che viene in soccorso la  2-in-1 Light Seat, che si trasforma, finito il suo utilizzo, in seduta passeggino: oltre al risparmio economico, si ha anche quello in fatto di spazio, che non è mai male!
Ma comunque, c’è anche quello classico, il Lux-Seat, pensato proprio per tutte quelle mamme amanti del massimo comfort: è possibile sceglierlo tra molti colori melange, davvero molto graziosi; è utilizzabile sin dalla nascita grazie alla completa reclinazione, effettuabile con una sola mano, e alla morbida imbottitura dei cuscinetti, e la cappottina XL (montata anche sugli altri passeggini della gamma gold) assicura il giusto riparo dal sole.

Ma altri accessori di serie fanno di Priam un mezzo davvero completo, come la chiusura facile senza adoperare entrambe le mani, e a “doppia valenza”: si può o compattare del tutto, per il trasporto in macchina, ad esempio (e le ruote si sganciano con la pressione di un pulsantino), oppure solo in parte, rendendolo simile ad un trolley, per un traino più semplice, come il casa oppure al ristorante. E anzi, la seduta è proprio pensata per essere in linea con le altezze dei tavoli, in modo tale che possa anche fungere, all’occorrenza, da seggiolone.
La barra anticaduta e la chiusura a cinque punti delle cinghie poi, assicurano la giusta sicurezza ai nostri bimbi e il poggiapiedi regolabile in tre posizioni, completa il comfort, mentre il cestello infine, ne determina la praticità.

Presentazione passeggino Cybex Priam

Avendo avuto la possibilità di provarlo con tutti i sistemi combinati montati, devo dire che la sensazione che ne ho avuto, è di grande maneggevolezza e guidabilità, oltre che di buona robustezza; la leggerezza la fa da padrone e, spingendo la carrozzina, quasi quasi mi è venuta una grandissima tentazione di riempirla con un altro fratellino per Daniele e Filippo (ma non diciamolo troppo, perchè già i due pargoli mi catturano ogni energia)…

Lascio a voi giudicare dalle foto: il sistema Priam sarà in commercio a partire dall’anno nuovo, ma prima di congedarmi, concludo raccontando che vi è poi tutta una gamma di accessori a corredo, che è possibile acquistare per completarlo in tutto e per tutto, come l’ombrellino, il sacco invernale, la pedana per il secondo bimbo e…gli sci!!! Già perchè al posto delle ruote, si possono montare anche degli scietti, che consentono di scivolare senza fatica su neve o sabbia!

Presentazione passeggino Cybex Priam

Dunque, che ne pensate?

Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on FacebookEmail this to someone

6 thoughts on “Evento #CybexMilano

  1. Ady è davvero favoloso il passeggino! Anche se il mio cuore , per quanto bello, prende sempre un’altra direzione. Volevo farti i complimenti inoltre per le foto…. spettacolari! Mi piacciono davvero moltissimo.
    Ti abbraccio :***

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.