Passeggino Priam, l’eleganza firmata Cybex

Lo scorso novembre sono stata invitata alla presentazione del nuovo gioello di casa Cybex, ossia il nuovissimo passeggino Priam (qui il mio racconto) e in quell’occasione partecipai al contest: bisognava fotografare il nuovo nato, postare l’immagine sui social e, quella con più like, si sarebbe aggiudicata proprio Priam come premio.

La mia fu la più gradita e quindi, all’inizio del mese scorso, ad avvenuta commercializzazione, ho ricevuto il mio pacco: che gioia! Purtoppo la messa in strada ha dovuto attendere causa malanni vari sia miei che dei bimbi, ma lo scorso weekend finalmente Priam ha varcato il cancello di casa e abbiamo potuto testarlo in lungo e in largo.

Devo precisare che il duevoltepapà era assolutamente impaziente di provarlo perchè, già quando l’avevamo montato, ne era rimasto affascinato; lui è un tipo molto fine ed ama i dettagli, quindi Priam rispecchia in pieno la sua personalità, offrendo un’eleganza davvero fuori dal comune e un connubio perfetto tra stile e praticità.

Passeggino Priam, l'eleganza firmata Cybex

La prima cosa che salta all’occhio spingendolo, è l’assoluta leggerezza, data dal telaio in alluminio; la seduta  (reversibile fronte mamma o strada) Lux Seat regala un estrema comodità al passeggero, tanto che il mio piccolo Filippo (beh insomma…16 mesi!) si è addormentato in tempo record e, con una mano sola, ho reclinato lo schienale, mettendolo in posizione orizzontale. Priam, grazie alle sue imbottiture e agli avanzati sistemi, è utilizzabile sin dalla nascita e la sua cappottina veramente ampia (definita XXL non a caso) ripara il nostro frugoletto dai raggi solari, potendo vantare una protezione 50. Il sistema di cinture a 5 punte e la barra anti-caduta (rivestita in ecopelle) ci lascia perfettamente tranquilli dal lato sicurezza e il poggiapiedi regolabile assicura il massimo comfort in tutte le posizioni.

Il maniglione è regolabile in altezza, e si adatta quindi perfettamente alla “stazza” di ogni genitore; un capiente cestello porta-oggetti è una manna dal cielo, soprattutto quando ci si sposta per lunghe passeggiate, ma è utilissimo anche quando, per esempio, ci aiuta a trasportare i sacchetti della spesa risparmiandoci tanta fatica!

Una delle innovazioni di Priam è la possibilità di configurarlo, dalla A alla Z; quando si decide di comprarlo, si può letteralmente scegliere l’equipaggiamento: lo utilizzerete prevalentemente in città? Allora prediligerete le ruote Light City! State pensando di farci escursioni su sterrati? Le All-Terrain sono allora ciò che vi serve. Già perchè nulla deve essere imposto: la nuova filosofia di Cybex è che si debba possedere ciò di cui si ha realmente necessità, rispondendo alle caratteristiche del proprietario. E se si cambierà poi idea? Niente paura, gli accessori sono intercambiabili: un primo acquisto non ne esclude assolutamente un secondo.

Ma ovviamente Priam non è solo passeggino; può montare la classica navicella per i neonati, da abbinare quindi alla Lux Seat, oppure l’innovativa seduta Light 2-in-1, con doppia funzione di carrozzina e trasporto: una volta esaurito il compito di culla per i primi mesi, ecco che si trasforma in mezzo tradizionale, facendoci risparmiare molto in termini di spazio (e non solo). Naturalmente, a completare il trio, arriva anche l’ovetto, nei due modelli compatibili, ossia il CloudQ e l’AtonQ, entrambi vincitori di molti premi nella loro categoria per l’alto grado di standard di sicurezza offerto (Cloud Q poi è reclinabile, e può essere utilizzato anche in posizione quasi orizzontale, rendendo massimo il comfort del bimbo)

Noi siamo usciti tutti insieme sabato e domenica scorsi: Filippo beatamente si è accomodato sul suo nuovo mezzo e Daniele ha persino provato a spingerlo (e, se ce l’ha fatta lui, scriccioletto di quasi tre anni, col fratello dentro, vuol dire che è davvero leggero!); al parco, pur con le nostre ruote City Light, ci siamo agevolmente mossi su erba e sterrati e, nel momento della nanna, la reclinazione e la cappottina parasole sono stati elementi essenziali. Una delle caratteristiche più innovative di Priam è che si può “ridurre” su due ruote senza dover togliere necessariamente la seduta (che però deve essere fronte mamma): pensate che non serva? Beh, lo credevo anche io, fino a quando non mi sono trovata a dover fare le scale di un sottopassaggio…qui questo plus mi è venuto in soccorso e mi ha consentito di affrontarle senza per forza dovermi trasformare (come spesso è accaduto) in sollevatrice!

La nostra giornata all’aperto ha previsto anche una bella sosta in gelateria (sembrava il primo giorno d’estate!) e anche qui Priam è stato provvidenziale: con la sua seduta perfettamente allineata allo standard d’altezza dei tavoli ho potuto (mentre il duevoltepapà e Daniele si gustavano la loro coppetta) dare la merenda a Filippo stando anch’io comodamente in panciolle sulla sedia e lui, a sua volta, ha potuto giocare con gli oggetti sul piano e non sentirsi così escluso.

La chiusura è molto semplice, a libro: si può fare sia con la seduta montata (fronte strada) che senza; in entrambi i casi, l’ingombro è davvero minimo e, grazie alla stazza ridotta, entra tranquillamente nei bagagliai della maggior parte delle macchine; tra l’altro, si può anche trasportare come un vero e proprio trolley, certamente molto comodo in tante situazioni!

Posso affermare con certezza che Priam sarà uno dei passeggini che vedremo molto in giro prossimamente, date le sue indubbie qualità: io, dopo averlo provato, non me ne separo più (o forse sì, perchè il duevoltepapà lo ha definito di sua personale proprietà!)

Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on FacebookEmail this to someone

2 thoughts on “Passeggino Priam, l’eleganza firmata Cybex

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.