Non sopporto piu’ la maleducazione. Online

Qualche tempo fa, in occasione di un mio post per un altro blog, fui attaccata duramente per aver scritto che, qualche volta, ho messo mio figlio (ai tempi dell’accaduto 7 mesi) nella fascia portabimbo ì fronte-mondo, pur contro il parere degli esperti, ma tuttavia posizione prevista dalle istruzioni.

Per l’amor del cielo, un confronto costruttivo ci sta, e serve certamente per migliorare ed anche imparare cose che non si sapevano e si ignoravano, ma questo avvenimento mi ha aperto gli occhi sul maleducatissimo mondo del web.

Già, perchè ho iniziato a leggere con più attenzione anche i commenti e gli interventi che spesso gli utenti, celati dietro un nickname, lasciano agli altri, magari solamente desiderosi di una risposta ad una domanda anche banale, ma che serve sempre a scatenare la polemica.

Chiedi su un gruppo facebook quale latte artificiale potresti dare a tuo figlio?
Certo, uno magari piuttosto che postare una simil questione, potrebbe magari affidarsi all’autorevole parere del pediatra, ma ammesso che lo si sia fatto e si voglia solo conoscere qualche marca in più (che magari il dottore stesso non conosce), ecco che si viene inondate di epiteti talvolta pure irripetibili, come “ma sei una pessima madre, allattalo tu” “cosa ti viene in mente è veleno” “se non gli dai il tuo latte crescerà con dei deficit mentali” e così via. Che se una magari di latte non ne ha più, ha gli ormoni scombussolati post-parto, finisce per crederci e le viene pure la depressione.

Ti fai venire il dubbio su quale omogeneizzato sia meglio per il tuo cucciolotto in fase svezzamento e hai la malaugurata idea di esplicitarlo su un forum?
Sfaticat, si fanno in casa! Si compra la carne, la si cuoce al vapore, la si trita (con l’acqua di cottura), la si mette in vasetti e la si congela. Tempo stimato: due ore circa.
Ora, io stessa con lo svezzamento di Daniele ho preferito iniziare con l’homemade, ma quando ho ricominciato a lavorare, devo dire che ho mollato il colpo e ho iniziato ad andare al supermercato, comperando più o meno di tutto, con un occhio certamente anche alle offerte. Ma non credo di essere una mosca bianca! Tuttavia, entro di diritto nel club delle madri degeneri.

Maleducazione online

Poi chiaramente se vogliamo farci del male, possiamo porre nel gruppi ad hoc la questione vaccino- non vaccino e lì iniziano a volare i coltelli (fortunatamente) virtuali…

Io credo che ognuno di noi sia libero di esprimere le proprie idee, senza però mai  dimenticarsi l’educazione e crocifiggere gli altri solo perchè hanno un’opinione, giusta o sbagliata che sia, diversa dalla nostra.

E’ troppo facile celarsi dietro a farfallina543 o treccinebionde87 (nomi a caso, eh) per giudicare, insultare, affibbiare epiteti che nemmeno alla nostra peggior nemica…il mondo online, il poterci nascondere dietro a nickname, ci ha fatto perdere le inibizioni e dimenticare che, dall’altra parte, c’è sempre una persona che può potenzialmente rimanerci molto male per ciò che diciamo, dal momento che non sappiamo chi sia e che storia abbia alla spalle.

La potenza di internet ci ha resi dei tuttologi e, ad ogni questione che c’imbattiamo, ci sembra di essere chiamati a dire la nostra. Benissimo, ma credo che lo si debba sempre fare con parole e termini che useremmo se fossimo faccia a faccia con il nostro interlocutore, perchè altrimenti non siamo più noi, ma il nostro clone scaricatore di porto.

E siccome tutti ci vantiamo di essere liberali, di lasciare a tutti la possibilità di esprimersi senza essere giudicati, com’è che invece online si è tutti pronti a crocifiggere e additare?

Non so, non riesco a trovare una spiegazione…io come educata sono nella vita reale, mai mi permetterei di offendere nessuno nemmeno dietro lo schermo di un pc, dove non posso essere vista e nessuno sa chi sono realmente. Ma perchè c’è così tanta maleducazione e cattiveria, spesso gratuita?

Attendo lumi.

Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on FacebookEmail this to someone

2 thoughts on “Non sopporto piu’ la maleducazione. Online

  1. Da un po’ di tempo rifletto anche io sulla questione attacchi sul web. Addirittura sto notando che soppesò kolto di più le parole sui social che non nella vita reale. Il che se ci pensi è aberrante. Oramai tutti hanno h ‘opinione su tutto e sul web porta avanti delle vere e proprie crociate, con toni che sfiorano il fascismo. È una spia della profonda regressione culturale che stiamo attraversando

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.